Mente - Corpo - Psicoterapia Breve e Salute
P0303796.jpg


Per Linguaggio del corpo o Non Verbale comunemente si intendono

i significati derivabili dalla postura, dai gesti, dalla mimica del volto, dall'intonazione della voce ecc..

Il corpo tuttavia comunica anche attraverso i "sintomi". 

Spesso i sintomi  del corpo che  si  ammala  hanno  un  “senso”

congruente con la storia dell’individuo, esprimono messaggi sulle difficoltà del vivere o su ciò che non è espresso con le parole o il comportamento.

Essi costituiscono un vero e proprio linguaggio che rinforza e vicaria quello verbale. 
 

I  sintomi  fisici  possono esprimere così, in base ad una analogia tra significati e funzioni dei vari organi e sistemi, i contenuti di emozioni
e pensieri spesso inconsci.

 

Ad esempio un individuo che si trovi ad essere sollecitato da stimoli sociali
stressanti dai quali non riesce a difendersi può sviluppare una dermatite perchè la pelle è organo primario di contatto con l'ambiente e di difesa da agenti infettivi, traumatici ecc.. Nel caso quindi di comportamenti di difesa inibiti o impossibilitati, il corpo tende  a reagire  e a vicariarli, sviluppando appunto una dermatite.

 

Il inguaggio non verbale, anche quello dei sintomi, spesso non è univoco e ciò spiega la difficoltà di interpretarlo. Lo psicologo riesce più agevolmente a collegare i sintomi fisici con gli stati emotivi e gli eventi esistenziali. Può così impostare un trattamento che combatta e risolva lo stress psico-fisico incidendo positivamente sulla salute. 

Numerose ricerche documentano la notevole influenza della psiche e degli eventi stressanti sulla salute, ma la mente può anche far guarire come dimostra un Compito di Scrittura, ideato dallo psicologo americano J. Pennebaker, che giova alla salute. Coloro che lo eseguono godono nell'anno successivo di una migliore salute rispetto a gruppi di controllo.
 
Il compito richiede un impegno di 15-30 minuti al giorno per 4 giorni e non è mirato a disturbi specifici, ma può essere individualizzato dallo psicologo.
Consiste nello scrivere su una o più delle proprie esperienze traumatiche e viene più estesamente descritto nel libro di Solano L., Coda R. in bibliografia.
E' opportuna la prescrizione da parte di uno psicologo psicoterapeuta.

Questo articolo vuole portare qualche esempio di come il corpo con i suoi sintomi invia dei messaggi ed esprime dei significati.
Esso è la raccolta di alcune ipotesi psicosomatiche elaborate nel corso della mia esperienza professionale. 
Due delle suddette ipotesi, quelle sulla psoriasi e sull'insufficienza renale sono corroborate da ricerche a carattere scientifico.
 
Il nesso stress psicologico-malattia è già ampiamente accettato dalla comunità medica per varie malattie come la gastrite, l'asma, le infezioni respiratorie, la psoriasi. Maggiori dettagli sui meccanismi di interazione mente-corpo si possono trovare nell'articolo "La salute: un equilibrio psicofisico"

 
Infezioni respiratorie

Risentono molto facilmente di stati depressivi anche lievi e transitori o di situazioni di stress fisico o psicologico che può essere dovuto anche a conflitti tra importanti ed opposti desideri ed esigenze.


Asma e allergie respiratorie

E' possibile che gli allergici non sopportino quel qualcosa in più nell'aria che fa traboccare il vaso. Persone che hanno già avuto un discreto numero di stimoli, gratificazioni, cose positive, ma anche conseguenti compiti, carichi di lavoro per cui qualcosa che si aggiunge, anche se stagionalmente, diventa difficilmente sopportabile.
Nell'asma l'aria resta intrappolata nei polmoni. I piccoli bronchi si restringono e l'aria riesce a entrare nei polmoni, ma ha difficoltà ad uscire: i polmoni sono pieni d'aria, ma non è un'aria vitale. 
L'asma sembra essere una patologia da "eccesso". Patologia da eccesso in genere di cose positive. 
Non a caso i bambini che soffrono di asma molto spesso con l'adolescenza guariscono e probabilmente l'asma è più frequente oggi, in una società con pochi figli, che non un tempo.  E' probabile che il sofferente di asma abbia troppe attenzioni (figli unici o primi figli "soffocati" dalle famiglie per timori, preoccupazioni o altro che con l'adolescenza cominciano a staccarsi dai genitori), troppi impegni, responsabilità, forse troppi beni materiali, in genere cose positive, ma semplicemente troppe e, come si sa "il troppo storpia".


Cute
 

La pelle è un organo di con-fine e di con-tatto con il mondo esterno e pertanto probabilmente risente, anche a livello psicologico, di tutto quanto rende problematici i rapporti con esso. (ambiente fisico, sociale, familiare ecc.) Vedi anche articolo sulla psoriasi
 
Fibroma

E’ una patologia frequente soprattutto in donne non giovanissime.
L' ipotesi è che tale patologia sia collegabile alla denatalità. Per vari motivi le donne fanno pochi figli, a volte uno solo e probabilmente tale scelta non è senza conflitti. Avviene allora che l'utero si ingrossa ed è come se si ribellasse all' impedimento subito nel compiere la sua funzione e si creasse un figlio fittizio, vicario di quello che gli è negato.


Gastrite

Nella gastrite la rabbia cronica ha probabilmente un'importanza determinante. L'acido cloridrico in effetti è la sostanza più aggressiva in assoluto che il corpo produce. Sembra che le irritazioni croniche riguardanti il lavoro siano quelle maggiormente in causa.
 
Infertilità

Normalmente una donna non fa un gran che per restare incinta; se si esclude l'atto sessuale, non c'è altro. E ugualmente fa abbastanza poco per portare avanti la gravidanza. Deve stare piuttosto attenta a non adottare comportamenti che potrebbero renderla più precaria o rischiosa, comportamenti perciò omissivi piuttosto che veramente attivi. La gravidanza è una cosa che va da sè; la donna è un contenitore nutritivo, accogliente, protettivo, ma non "fabbrica" il bambino.
Forse un atteggiamento mentale attivo può essere "a monte" di alcune difficoltà di procreare, altre volte preoccupazioni di vario genere anche economiche o desideri contrastanti sulla propria autorealizzazione possono essere in causa.
Certo è che sono frequenti i casi di infertilità che improvvisamente, anche dopo una psicoterapia o un'adozione si sbloccano.


Malattie gravi, Tumori
Ogni volta che ci si imbatte in una malattia potenzialmente mortale, occorre fare attenzione alle progettualità che la persona possiede. Infatti avere progetti, "cose da fare" tiene in vita e all'inverso se sono capitati eventi che inducono a pensare di non essere più utile a qualcuno o a qualcosa... la salute può correre gravi rischi.  

E' possibile comunque che in questi casi ci siano altre tematiche che hanno determinato o codeterminato l'insorgere della patologia e solitamente nella storia prossima del paziente è rinvenibile un trauma o una condizione altamente stressante.


Miopia

Un individuo i cui impulsi di esplorazione e allontanamento dal nucleo familiare
di origine siano stati anche sottilmente scoraggiati, potrebbe soffrire di miopia perchè simbolicamente è stato scoraggiato a "guardare lontano" e tale messaggio si è probabilmente convertito anche in abitudini concrete di visione.


Psoriasi

In questa malattia della pelle c'è un'iperproliferazione cellulare. E' come se la pelle si sforzasse di aumentare le sue funzioni protettive nei confronti dell'ambiente esterno. Le persone affette da psoriasi in effetti spesso soffrono per un ambiente o vicende socio-familiari vissute come molto stressanti o all'inverso non percepiscono il loro ambiente come sufficientemente accogliente, caloroso e protettivo. Vedi anche articolo sulla psoriasi


Reni

Per le teorie cinesi del Qi Gong l'energia vitale che ci viene data alla nascita risiede nei reni. Perchè? I reni sono lavoratori instancabili, organi che “producono, dànno in continuazione", scorie certo ma anche scorie utili come fertilizzanti ecc..
Chi spende molte, troppe energie e per lo più per gli altri, può mandare "in rosso" il proprio bilancio energetico e mettere a serio rischio la funzionalità di questi organi. Vedi anche articolo sulla sofferenza renale


Seno e organi femminili

Essere donna comporta ovviamente ruoli, compiti, responsabilità peculiari, soprattutto nei confronti di funzioni come il generare e l'allevare.
Se queste funzioni sono investite da un qualche rilevante problema, anche in senso metaforico, è possibile che le parti del corpo più squisitamente femminili (seno e apparato riproduttivo) ne risentano fortemente; non è un caso probabilmente che sono tra le più colpite da malattie tumorali. Può trattarsi di un figlio che non ha fatto una buona riuscita, di figli che non sono venuti affatto, di qualcosa che comunque si correla ai significati di allevare, nutrire ecc..


Stipsi 

Già Freud ossevò che la funzione del colon si collega a tratti di personalità. In particolare la stipsi spesso è peculiare delle persone molto parsimoniose o che comunque hanno bisogno più di ricevere che dare, ovviamente da un punto di vista psicologico.
Possono essere persone che nell'infanzia hanno "ricevuto" poco, persone che hanno paura di non assimilare a sufficienza ecc.


Vene

Ciò che parte dal cuore, il sangue, al cuore deve tornare.
Dare col cuore, viene dal cuore sono frasi che sottintendono amore, generosità. Ma dobbiamo cercare di riprenderci ciò che è nostro.. chi non lo fa potrebbe rischiare di soffrire di ristagno venoso.

Valentina Sciubba

BIBLIOGRAFIA

Solano L., Coda R. "Relazioni emozioni salute" 1994 Piccin
Bottaccioli F. "Psiconeuroendocrinoimmunologia" Red Ed.


---------------------------------------------------------------------------------------------

La dott.ssa Sciubba Valentinaesperta in Psicologia Applicata alla Salute

Terapie Brevi - risultati rapidi stabili.


Esercita in Roma   - Via del Pigneto 27/a (Metro Pigneto)

                          - Via l'Aquila 23M c/o st. med       

                                Tel. 338 17 62 781          info@valentinasciubba.it